Kingcrow – The Persistence – Recensione

KINGCROW – The Persistence

Kingcrow The Persistence

 

Band: Kingcrow
Titolo: The Persistence
Produttore: Diego Cafolla
Mastering CD: Alan Douches
Mastering Vinile: Alan Douches (mastering dedicato)
Durata: 00:55:24
Data di uscita: 07/09/2018
Etichetta: Sensory Records
Distributore: Audioglobe
Formati disponibili:
CD:
Vinile:
Mp3:

 

Il disco

Il settimo album non è un passaggio scontato per una band è un momento importante. I romani Kingcrow si presentano con un lavoro in studio d’eccellenza sia compositiva che di produzione.
Ascoltando The Persistence si è proiettati all’interno di una “bolla onirica” che ti assorbe e ti rilascia solo dopo i 55 minuti dell’album. Il progressive è un genere molto vario che troppe band relegano alla noiosissima pratica del tecnicismo a tutti i costi, ma per fortuna i Kingcrow non sono mai caduti in questo tranello ed utilizzano la loro straordinaria tecnica al servizio della musica, del coinvolgimento e delle emozioni. Non fraintendermi non è un disco semplice,   trascina con grande sapienza in trame intricate e tempi alterati senza che questi siano gli unici protagonisti perché sono sempre strumentali al racconto musicale. Nell’intero The Persistence Kingcrow riversano e riscrivono tutta la loro cultura musicale, il bagaglio tecnico e l’esperienza accumulata in oltre 20 anni di attività.
In diverse occasioni ci si stupisce degli arrangiamenti arditi e scelte coraggiose, comunque sempre azzeccate. I Kingcrow ti sfidano, scombinando cliché, rievocano suoni e poi smontano ogni certezza. Il viaggio onirico ti trasporta dal metal all’elettronica passando per  l’alternative e hard rock con naturale fluidità, i Kingcrow fanno musica totale. Ogni brano ha in se i semi di ogni genere stratificando su più livelli l’esperienza, c’è sempre un che di cinematografico e di visivo. Diego Marchesi con la sua potente voce dipinge linee melodiche con grandiosa intensità mentre i cori a volte accompagnano la linea vocale principale a volte producono contrasti melodici e ritmici. Un album indubbiamente ricco di ispirazione e idee, molto ben eseguito con arrangiamenti mai banali o scontati.

La produzione

Trovare un lavoro di produzione a questo livello, oggi, è abbastanza difficile anche tra artisti di fama mondiale con risorse ben maggiori dei Kingcrow. Ma qui c’è un grande lavoro, perché tutti gli strumenti sono sapientemente mixati con le tastiere che non sono mai ne sottotono ne prominenti ma sempre nel giusto punto a sottolineare ogni passaggio, li a dare forza all’insieme. Chitarre, basso batteria sono sempre perfettamente amalgamate con uno stage sonoro perfetto. Non ci sono artifici ne trucchi in questo disco e sopratutto non è presente il fastidioso effetto loudness, una sorta di virus che ha di recente colpito molti produttori.
Tutto l’album suona magnificamente perché hanno dedicato cura e attenzione ad ogni aspetto. Il suono è arioso lo stage sonoro è ampio, perfettamente adatto al tipo di musica e all’album in questione. Mixare un disco così complesso non una cosa facile e ancor meno farlo così bene. e in particolare un’attenzione speciale è stata dedicata al mastering per l’edizione in vinile, uno splendido di cui possiamo dirvi solo… è magnifico.

Tracklist

  1. Drenched
  2. Closer
  3. Everything Goes
  4. Folding Paper Dreams
  5. The Persistence
  6. Every Broken Piece Of Me
  7. Devil’s Got A Picture
  8. Night’s Descending – special guest Daniel Gildenlow – Pain Of Salvation
  9. Father
  10. Perfectly Imperfect

Conclusione

Di musica in Italia se ne produce sempre meno e sempre più scadente, in altre parole stimo messi male, perché purtroppo il mercato è piccolo e nessuno vuole rischiare. Per fortuna c’è chi porta avanti la nostra grande tradizione Progressive Rock tirando sempre l’asticella della qualità verso l’alto. I Kingcrow con The Persistence dimostrano al mondo senza ombra di dubbio che in Italia si fa anche grande musica.

I Kingcrow

Diego Marchesi – Voce
Diego Cafolla – Chitarre
Ivan Nastasi – Chitarre
Cristian Della Polla – Tastiere
Riccardo Nifosì – Basso
Thundra Cafolla – Batteria e percussioni

Contatti Kingcrow

 

M.L.

Cos’è il fattore LP

Il fattore LP è quanto vale spendere un po’ di più per avere un album in LP o come si usa dire oggi “vinile”. Quindi più è alto più riteniamo si possa apprezzare maggiormente il disco in questo formato.

Kingcrow - The Persistence

9.2

Musica

9.0/10

Produzione

9.0/10

Fattore LP

9.5/10

wp_1696275 Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *